Letture per la Natura

Un bellissimo incontro con piccoli lettori veramente green

Venerdì 5 agosto, una grande festa ha accolto i tanti partecipanti, tra cui numerosi bambini, all’evento: La Cascina dei Gobbi, Letture per la Natura, magistralmente organizzato dal B&B Al Tetto Rosso di Elena Spezzano, che si trova ad Acri, in contrada Chimento. 

Durante l’evento la scrittrice Lucia  Spezzano ha illustrato il messaggio del libro, edito dalla Casa Editrice Costruttori di Pace, che vede la collaborazione della Comunità Operosa Alto Verbano ed, in una seconda edizione, anche di Legambiente Circolo di Laveno Valcuvia

"Imparare a Rispettare la Natura."

Questo è il messaggio del libro La Cascina dei Gobbi, attraverso l’emozione del racconto e le Regole Virtuose della Comunità Operosa Alto Verbano e di Legambiente.

L’uomo non può fare a meno della Natura ma la Natura può fare a meno dell’uomo!

Vi aspettiamo alla prossima

Percorso Piumetta

Grazie mille al Parco Pineta di Tradate ed Appiano Gentile, al Comune di Vedano Olona, al Sindaco Cristiano Citterio ed all’assessore Giorgia Adamoli per il bellissimo progetto: Il sentiero inclusivo attrezzato Salute e Natura ed il percorso illustrato Piumetta Pettirosso Coraggioso, ispirato al racconto di Lucia Spezzano.

Un percorso circolare di due chilometri, con quindici cartelloni illustrati, che inizia dal Centro Sportivo Mario Porta di Vedano Olona, via Bixio.

Un sentiero da percorrere per gli sportivi, le famiglie, i ragazzi, per tutti!!!

Foto Simona Ghiraldi, Assessore Comune di Vedano Olona

L’equilibrio dell’anidride

La Natura è un equilibrio perfetto; noi dovremmo stare, sempre, in equilibrio con la Natura, perché, anche se i nostri comportamenti sembrerebbero dire il contrario, siamo noi ad aver bisogno della Natura e non certo la Natura ad aver bisogno di noi.

In Natura, come in Chimica, gli equilibri sono fondamentali; d’altronde le Leggi della Natura sono anche le Leggi della Chimica, ed uno degli equilibri piu’ importanti è quello dell’anidride carbonica.

L’anidride carbonica, in quantità moderata, è fisiologico che si trovi nell’atmosfera; viene consumata dalle piante che fissano il carbonio e producono ossigeno con la notissima fotosintesi clorofilliana; però nelle giuste quantità! Il problema è che, negli ultimi decenni, l’uomo ha aumentato a dismisura la produzione di anidride, con tutte le attività industriali, con i trasporti e, contemporaneamente, ha distrutto gran parte di boschi e foreste, tagliando gli alberi ed appiccando incendi che eliminano gli alberi e producono una ancora piu’ grande quantità di anidride.

Una elevata quantità di anidride nell’atmosfera porta all’effetto serra, ai cambiamenti climatici ed al surriscaldamento del pianeta; inoltre acidifica, oltre il normale, i terreni, i laghi, i mari e gli oceani. 

Gli equilibri dell’anidride sono anche equilibri della natura. 

L’anidride CO2 reagisce con l’acqua per formare acido carbonico (primo equilibrio). 

L’acido carbonico forma lo ione bicarbonato ed acidifica l’acqua abbassandone il pH (secondo equilibrio).

Il calcio ed il magnesio contenuti nell’acqua reagiscono con lo ione bicarbonato per formare  carbonato di calcio e magnesio; inoltre si riforma l’anidride carbonica (terzo equilibrio). 

Questo equilibrio ha portato, nel corso dei millenni, alla formazione delle rocce calcaree.

Il carbonato è un sale insolubile che precipita, la sottrazione dell’anidride dal terzo equilibrio, sposta la reazione verso la formazione di piu’ calcare; quello che succede nelle lavatrici quando una temperatura piu’ elevata di lavaggio facilita l’allontanamento dell’anidride dall’acqua.

Se capita nella lavatrice o nel boiler è un problema; nel mondo invece ha portato a splendide formazioni di rocce calcaree, ai magnifici marmi, ad esempio quelli di Carrara, e nei mari alle rocce sottomarine, incluse le barriere coralline. 

Il problema è che, aumentando la quantità di anidride, l’equilibrio si sposta verso lo ione bicarbonato, con la distruzione delle rocce calcaree. Anche per questo le splendide barriere coralline sono in pericolo; così come sono in pericolo, oggi piu’ che mai, i ghiacciai, che rischiano di sciogliersi e le foreste che l’uomo distrugge. 

Articolo di Giuseppe Politi

Leggere le favole

Leggere le favole ai bimbi per aprire le porte alla loro fantasia

Napoleone era solito dire che il destino dei popoli siede sulle ginocchia delle madri, ed io ne sono perfettamente convinta, ed aggiungo che, nella vita, quando incontriamo persone positive, simpatiche o comunque ottimiste e con belle idee, ingegno e fantasia,   ciò non è dovuto solo ad un fattore genetico, ma il più delle volte a qualcosa che si può riassumere in tre parole “cercate la madre”. Mentre quando invece incontriamo persone negative, antipatiche, poco disponibili e più inclini al pessimismo ed all’invidia, piuttosto che all’azione, anche qui potremo constatare, oltre ai caratteri genetici, alcune carenze nel sistema educativo che hanno impedito all’individuo di svilupparsi correttamente ed equilibratamente.

Buona vita a tutti e buone letture!

Le Amiche del … Blog

Giuditta di Cristinzi, Solo una donna … LiberaMente, un’amicizia nata sui social.

Un anno fa, quando lo slogan era #iorestoacasa, la bella intervista dal titolo “I sogni si realizzano se ci crediamo veramente … le favole aiutano a realizzarle”.

A distanza di un anno lo slogan, purtroppo, è ancora attuale ma, fortunatamente, è sempre attuale anche l’amicizia.

Leggere Tutti

Leggere Tutti, oltre che il nome di una rivista è un augurio, perché la lettura è importante per tutti, per i bambini, ragazzi, adulti;

Con la lettura si cresce, si scoprono cose nuove, si da spazio alla propria fantasia, si trasmettono informazioni, riflessioni e messaggi. Leggere è viaggiare con la mente, prima ancora che con auto, treni, aerei.

Impariamo a leggere di piu’ ed a leggere meglio; Grandi classici o nuovi autori che siano, l’importante è che dalla lettura si possa ricevere qualcosa, un messaggio, un sorriso, una riflessione ed il piacere di leggere.

GEArtis Cultura

È passato quasi un anno da questa intervista di GEArtis Cultura. Siamo ancora alle prese con le mascherine sul viso, le chiusure delle scuole, dei teatri, dei cinema, non siamo ancora tornati alla normale quotidianità; Ma ci arriveremo, il titolo della mia intervista era “I sogni si realizzano se ci crediamo veramente … le favole aiutano a realizzarli”. Allora crediamoci e andiamo verso percorsi di vita superfavolosi.